II Ciclo o Corso di Specializzazione

1. LICENZA IN TEOLOGIA E SCIENZE PATRISTICHE

 

Per essere ammessi all’esame di Licenza in Teologia e Scienze Patristiche, lo studente dovrà dar prova della conoscenza di altre due lingue moderne tra le seguenti: francese, inglese, spagnolo, tedesco.

Il candidato dovrà scegliere l’argomento del lavoro scritto e, dopo un accordo iniziale con il docente Moderatore, consegnerà alla Segreteria generale il modulo di iscrizione (da ritirarsi presso la medesima Segreteria).

Si consegue la Licenza in Teologia e Scienze Patristiche dopo aver superato gli esami di tutti i corsi prescritti, la stesura di un lavoro scritto ed un esame orale comprensivo da sostenersi davanti ad almeno tre professori: 96 ECTS per corsi più 24 ECTS per la tesi scritta e la sua difesa, per un totale di 120 ECTS.

L’esame orale, della durata di un’ora, comprende una discussione della tesi (20 min.), l’esposizione dettagliata di uno dei temi del programma (20 min.) e domande da parte dei professori su altri temi del programma alle quali lo studente deve rispondere in modo sintetico (20 min.).

La tesi, che deve dimostrare la capacità di ricerca scientifica da parte dello studente, sarà di almeno 60 pagine di testo, con interlinea 1,5 e carattere 12. Il testo dovrà essere predisposto tenendo conto delle norme in uso presso l’Istituto.

Un mese prima della data della difesa pubblica, la tesi (Dissertatio ad Licentiam in Theologia et Scientiis Patristicis consequendam) – stampata e rilegata – deve essere depositata in Segreteria in 6 copie. Dopo la consegna della tesi alla Segreteria, il Preside nominerà il terzo Relatore, che farà parte della Commissione esaminatrice della tesi.

 

Tesario dell’esame di Licenza

 

1. Statuto epistemologico e metodo della ricerca patristica.

2. La formazione dell’identità cristiana nel I e II secolo in relazione al giudaismo, alla cultura classica, alla politica imperiale e allo gnosticismo.

3. La Scrittura nella Chiesa: il problema dell’Antico Testamento e la formazione del canone cristiano. La letteratura apocrifa.

4. L’esegesi patristica tra letteralismo e allegorismo: genesi, principi e metodi.

5. La dottrina trinitaria dei Padri: autori, opere, controversie.

6. La dottrina cristologica dei Padri: autori, opere, controversie.

7. La dottrina antropologica dei Padri: autori, opere, controversie.

8. La svolta costantiniana e le sue ripercussioni sociali, ecclesiali e giuridiche.

9. Cristiani ad Alessandria: contesti e autori.

10. Cristiani ad Antiochia: contesti e autori.

11. Cristiani d’Africa: contesti e autori.

12. Cristiani d’Asia: contesti e autori.

13. I Padri latini del IV-V secolo.

14. Cristianesimo fuori dai confini dell’impero romano.

15. Agostino: la vicenda personale e i dibattiti con i vari interlocutori.

16. Il cristianesimo in età romano-barbarica.

17. Il cristianesimo bizantino.

18. Dalle chiese ‘principali’ alle chiese patriarcali e l’evoluzione del primato romano.

19. Motivi, forme e sviluppi della santità e della letteratura agiografica.

20. Il monachesimo: genesi e sviluppi.

 

2. LICENZA IN SCIENZE PATRISTICHE

 

L’Istituto può rilasciare anche il grado accademico di Licenza in Scienze Patristiche per studenti che non provengono da un curriculum di studi teologici. Per essere ammessi come studenti ordinari al biennio di Licenza in Scienze Patristiche si richiede un grado accademico in Storia, Filosofia, Lettere o in materie a queste assimilabili che si possa equiparare a un Baccellierato ecclesiastico e una congrua preparazione teologica (si esaminerà il candidato tramite un colloquio).

Per conseguire la Licenza in Scienze Patristiche valgono le stesse norme relative alla Licenza in Teologia e Scienza Patristiche.

 

 

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Leggi di più